Pages

Friday, 12 February 2010

3 subjects for black and white

Today (or tonite according to your GMT) I'd like to touch the black & white topic, by showing three personal ways of dealing with! I'll use three photos, of which the first was taken in Fukuoka in August 9, 2009, whereas the other two were taken here in Lisbon on February 9 (the umbrella) and yesterday the last one. The first and the last has been postproduced today, while the second one is a bit older (two days, maybe), and you can notice this difference on the editing.
They have very little in common. Apart for the black & white, I think that they belong to separate kind of photography.
Let's begin with the older one. I entitled it infanzia or childhood and I simply love it!
I love the shot - the inclination of the camera gives to the whole scene further movement that is enhanced by the playing children, although the young girl, with her position, seems to stop the other children and give me the chance to push the button! Therefore, the timing is another plus to the shot: they jump, they land, they run, they don't move and this presence of different movements is well conveyed by the editing, with its good contrast and clarity!

1/60 sec F/6.3 iso-100 67mm
The second pic I'm going to talk about is a photo that was born in my mind a long time ago, at least since the day I saw for the first time Lisbon under the rain, most precisely the day-after, when you find everywhere broken umbrellas. I has been thinking a lot about taking a series of photo of broken umbrella, but I never really started this portfolio. Some days ago, notwithstanding this lazyness, I found this thrown-away umbrella and fortunately I was carrying my camera with me. Moreover, the wall was almost completely uniform - except for some dirty spots - and there was this spotlight that helped me a lot to create a dramatic effect. In postproduction I turned the photo to b/w, added contrast (a lot of) and the vignetting and then I used the preset of Photoshop CS4, crossprocessing, over the black and white to enhance further the contrast and overlapped this level to the original by reducing it to the 50%, and that's were the green tone comes from.
1/50 sec F/3.5 iso-400 25mm

Monday, 8 February 2010

like a dedication .. / ..a guisa di dedica

These are the days where you should open your mouth and scream a big F*CK OFF!!
Yes, today is one of these days (I'm listening to Pearl Jam, not to Pink Floyd.. they both begin by P and share the TWO WORDS name, but they're quite different).
By the way, today/tonite I'm not going to write something stupid about my photographs (I will do this tomorrow with a GREAT NEWS, but I'm not in the right mood tonite), rather I will write something about HER, i. e. about Martina, my future (I HOPE) wife.
After this weekend we spent together - we didn't see each other since a month - I stuck here with memories and a lot of days to go through all alone. Well, that sucks. I have a lot of work to do, I will take a lot of photographs and listen to tons of music - probably SAD and MELANCHOLIC music - just to pass the time and wait for her to come. I guess, this is a part of becoming adult. Should be amazing? Should be formative? Of course it is! Because if it's not I'm totally wasting my time, and I'm pretty sure I'm not taking it back!
I just need some space to say something about my condition, but when I decided to write something I was listening to a song I'd like to dedicate to Martina, even though she doesn't like it because it makes her sad. Nevermind, I love this one and I love her.

PEARL JAM
-
Just Breath


video

Wednesday, 3 February 2010

[from now on in english]

Yes, I know! It looks pretty strange to me, too! But in order to obtain comments also from non-italian speakers and to enhance my knowledge (big big words!) from this post on, I will write my "articles" in english!
Actually, that's really not a novelty for me, since each day I have to write down something in english.. one might just say that I'm carrying work home! But that's not exactly true. In one word, I have to be better than the way I am now.

"I see it around me, I see it in everything / I can be so much more than this"
[Jimmy Eat World - My Sundown]

By the way, the language change won't make the topics change as well! Then, tonite I'm going to talk about a photograph of mine (really?), yes, really!

- slothful -


I took this one because of a photographic contest. There is this amazing italian website www.fotocontest.it , which is not the "classic" photo-sharing website, rather it is born only to propose photographic contests! It's quite amusing, really! The latest contest is, as you may already have guessed, Concorso #109 - I sette vizi capitali or the seven deadly sins!

I was undecided between anger and sloth but, finally, because of lack of time and space I decided to portrait the latter.

Despite the background of the shot may look like a studio, I took this pic next to the Centro de História de Além-Mar (CHAM), or the place where I "work". By the way, the background fits so well with the idea of the photograph that I can be satisfied with that.
Now, the heavy question: does this photo represent well slothful?
Actually and obviously, in my humble opion it does!
I sought for a definition of sloth that wasn't full of Christian philosophy and I did find one which basically states that the word sloth means "the indifference about everything. Besides, it designates the dejection, the boredom and the tiredness of the human being in front of life".
Then this idea came to my mind. A figure possibly the most anonymous it can - clothes, too - who can't barely see or touch things concerning daily and wordly life, such as his agenda, a newspaper, a book and his mobile.

In my humble opinion, this pic is a good translation of a word in visual art, but, still, the audience has the last word about it!
Cheers!

Friday, 29 January 2010

ben tornato!

Ne è passato di tempo. A giudicare dall'ultimo post [19.08.2009] sono trascorsi esattamente 5 mesi e 10 giorni. Beh, ora che ho quantificato mi sembrano meno di quel che pensassi. L'ultimo post era stato scritto da Martina nel tentativo - poi rivelatosi fallimentare - di riportare la nostra attenzione su questo blog, che, oramai, prendeva più polvere che apprezzamenti! Non che questa fosse una novità completa, tuttavia il suo post è stato un tentativo per nulla fruttuoso. O almeno così pensavamo (lei lo pensa anche ora alle mie 22.38)! Ho appena finito di postprodurre una foto e mi sono detto Ma perché non scrivi un post sul blog? Quale blog? Come quale blog? Quale blog? Quello che hai con Martina! Avevo, vorrai dire! No, è ancora lì tra i tuoi preferiti, quindi lo hai ancora. Ma andrebbe sciacquato, strizzato, asciugato e stirato prima di poterci mettere di nuovo mano. Potresti indossarlo una volta ancora e poi gettarlo in lavatrice. Ma non parlavamo di un blog? Quale blog? E così via, per circa 3 o 4 secondi. Si impiega molto tempo a scrivere, qualche minuto in meno a leggere. E' il pensiero che corre veloce. Tutto sta a prenderlo per le caviglie e costringerlo a scendere su un foglio di carta. Gli scrittori sono persone rapide con le mani e gli occhi. Il cervello corre per tutti.
E' iniziata una nuova canzone [Polaris - Jimmy Eat World] e, per tanto, io inizio a parlare della mia fotografia del giorno.

- incubo -


Era da più di qualche giorno che pensavo di scattare questa foto. Questa semplice affermazione necessita, tuttavia, di essere leggermente emendata. Da quando mi sono trasferito a Lisbona ho avuto modo di dedicarmi più assiduamente alla fotografia e una dedizione più zelante porta con sé anche un ampliamento della maniera in cui pensiamo alle cose. Sostanzialmente tutto si è svolto in una giornata, giornata che, ahime, non aveva nulla che non facesse pensare ad una bella sessione fotografica per le vie di Lisbona: c'era una bella luce, che prometteva solo di migliorarsi col calare del sole, avevo tempo a disposizione, il lettore mp3 era carico e caricato a dovere esattamente come lo era la mia camera. Eppure una volta scaricate le foto sul pc, le ho riguardate perplesso: non c'era niente! Ossia, quelle fotografie rappresentavano una realtà che non era passata per il mio personalissimo filtro psichico. Detto in una parola: non avevo idea di che fotografie sarei andato a scattare!
Ovviamente quando si tratta di fotografia non si può pretendere di ritrovare quello che si vuole dietro al primo angolo! La fotografia, per definizione, è anche istantaneità (non so se esiste questo sostantivo!), dunque è qualcosa che il fotografo deve essere pronto a ritrarre in qualsiasi momento! Tempismo e occhio! Ma la previsualizzazione riveste un'importanza fondamentale nel momento in cui il fotografo va alla ricerca di qualcosa. Se non sai cosa ricerchi, non lo troverai mai. Chi cerca, trova, si dice, ma umilmente mi sento di obiettare leggermente e correggere il detto in chi sa cosa cercare, trova.
La foto che ho scattato oggi (ce la farò ad arrivarci?) la previsualizzavo gni volta che scendevo le scale della metro BAIXA-CHIADO, gradino dopo gradino mi chiedevo.. chissà che effetto farebbe una lunga esposizione qui? E oggi la mia canon ha avuto la compiacenza di concedermi 3 scatti (poi s'è scaricata la batteria.. alle 10 di mattina!! Argh!) e il secondo è quello che presento qui. L'ho intitolata in questo modo perché è proprio la sensazione che mi ha dato mentre la postproducevo. Movimenti inconsulti giù per le scale, con una figura indefinita in fondo.. la classica sensazione di incomprensibile e incoerente che può lasciare un sogno o un incubo. Paradigmatico come si suol dire risvegliarsi da un incubo, qui, nel nostro caso possiamo dire che ci siamo risvegliati con un incubo. Até!


luogo: Lisboa, scalinata Baixa-Chiado
data: 29 gen 2010
exif:
2,5 sec
F/10
18mm
iso-100
filtro ND/8

Wednesday, 19 August 2009

[breve panoramica degli ultimi mesi]


sembra proprio che se non mi decido io a scrivere qualcosa questo blog rimarrà fermo al 19 giugno visto che il vero creatore e ideatore è troppo impegnato con le sue fotine!!!!
Allora breve riepilogo degli avvenimenti... il 19 giugno abbiamo festeggiato 3 anni insieme.. stò ancora aspettando le fotine da pubblicare e da stampare.. spero che non le abbia perse sennò lo uccido.. :D
poi... da quella data in poi la sottoscritta si è immersa nello studio ed è riuscita a fare un tris di 30 decisamente soddisfacente... la laurea sembrava vicina ma il sogno è stato frantumato in millemila pezzetti dalla burocrazia universitaria unicamente interessata alle entrate economiche e quindi me l'hanno posticipata a Luglio 2010... dramma cosmico.. insieme al progetto della laurea (non piccolo) sono saltati tutti gli altri progetti correlati tra cui ESPATRIARE con l'animaletto grande (Daniele) e quello piccolo e peloso (Momo).. vabbbbbbene dopo lagne e tristezze ho ricominciato a stringere denti e pugni a andare avanti rimodellando il tutto sulla nuova situazione.. finiti gli esami di Luglio, proprio il giorno dell'ultimo esame mi si lussa la mascella... yeah... ovviamente piove sul bagnato.. dopo un viaggio itinerante per pronti soccorsi e ospedali durato 36 ore siamo arrivati alla conclusione che se uno ha un qualsiasi problema è meglio che non lo abbia in Italia! La conclusione è che la causa scatenante è stato lo stress (ma che strano..) adesso mi tocca mettere l'apparecchio per due lunghissimi anni e diventare la migliore amica di un logopedista... insegnamento da trarre: tutto quello che stà accadendo è un investimento per il futuro. (ma come sono saggia)
dopo di che... siamo riusciti a partire per Nippolandia.. il 23 Luglio... e siamo tornati il 10 Agosto.
Sul Giappo Nippo lascio che sia la mia dolce metà a fare un bel resoconto.. del resto era il suo sogno.. per me è diventato un parco giochi.. mi sono innamorata di quel paese.. decisamente una reazione inaspettata visto che io è Nihon siamo sempre stati antagonisti nel cuore del nostro riccioluto ricercatore.. ma a me piace stupire... ahahaha... e quindi viva il Giappone e i suoi giappici abitanti.... =)

Monday, 15 June 2009

『a tribute to her』




Per festeggiare il nostro 3° anno di fidanzamento mi sono cimentato in una cosa che non facevo da tempo: disegnare. Grazie alle insistenze di Martina (insistenze motivate da un intimo desiderio di protagonismo :P ) ho deciso di "ritrarla" alla mia maniera, ovvero in stile manga. Non era da poco tempo che voleva che la ritraessi e - lo ammetto - non mi sentivo proprio all'altezza. I primi tentativi di ritratto, infatti, non erano andati propriamente a quello che si dice UN BUON FINE! Per fortuna è venuta sempre lei in mio aiuto e mi ha suggerito di ritrarla nel mio stile, invece di tentare qualcosa che non stava né nel mio cervello né nelle mie dita, o mani o matite!
Così, liberato da queste catene, ho disegnato liberamente.. guardando qualche sua foto, ricordandola e cercando di dare un tocco di lei ad un disegno che altrimenti sarebbe stato troppo anonimo!
Devo dire che il risultato mi ha soddisfatto tantissimo! Era molto che non disegnavo e temevo di aver perso quel tocco.. invece ho scoperto di saper anche colorare! E questo è l'ennesimo merito da attribuire alla mia signorina! Fosse per me, il mondo sarebbe in chiaro scuro! :D
Da notare anche i piccoli tributi a Momo! ^-^ Non poteva mancare!





Comunque, visto che io sono anche un grande appassionato di musica ci metto anche la colonna sonora e scelgo la (mia) canzone del momento. Sometimes dei Bowling For Soup dall'album GOES TO THE MOVIES (2005)! Purtroppo non c'è un video di questa bellissima canzone, ma una ragazza tedesca su Youtube [ http://www.youtube.com/user/Marita88 ] fa queste cose troppo divertenti e allora ho deciso di postare un suo video! Spero vi piaccia! Per facilitare la comprensione sotto al video ho trascritto anche il testo della canzone! Cheers!



video

"Sometimes"

You've got me under your thumb
Sometimes I feel so dumb
You put a smile on my face
But only sometimes

You make me weak in the knees
I think it's cute when you sneeze
I think you shoes are so cool
Sometimes

You talk too much for me to figure out my motivation
Don't you know that you're the only one

Sometimes it's not the things you say
Sometimes you're just in the way
Sometimes I feel like I can't live without you

Sometimes I swear you make me sick
Sometimes I just want to kiss you
And tell you I love you
Sometimes

You say you think I'm a square
Don't like the clothes that I wear
You know I really don't care
Well maybe Sometimes

We made out at the show
I think I should let you know
That you could sure use a breathmint
Sometimes

You talk too much for me to figure out my inspiration
Don't you know that you're the only one

Sometimes it's not the things you say
Sometimes you're just in the way
Sometimes I feel like I can't live without you

Sometimes I swear you make me sick
Sometimes I just want to kiss you
And tell you I love you
Sometimes

Now I'm not saying that I'm really any better
Man i swear shes such a pretty girl (pretty girl)
A pretty girl

I know she has her days
And looks at me exactly the same way

I know sometimes I bring ther down
But every once in a while
I make her smile

Sometimes it's not the things you say
Sometimes you're just in the way
Sometimes I feel like I can't live without you

Sometimes it's not the things you say
Sometimes you're just in the way
Sometimes I feel like I can't live without you

Sometimes I swear you make me sick
Sometimes I just want to kiss you
And tell you I love you
For you I'd eat tofu
And I don't like tofu
But you make me so happy
Sometimes

Sometimes
You make me so happy
Sometimes"


THAT'S
ALL, PUNKS!





..solamente nosotros..